Blog

Piante per Tisane contro la ritenzione idrica e detossificanti (detox)

Piante per Tisane contro la ritenzione idrica e detossificanti (detox)

Piante per Tisane contro la ritenzione idrica e detossificanti (detox)

Un accumulo di liquidi a livello intercellulare può essere definito ritenzione idrica,status caratterizzato da un eccesso di fluidi che si accumulano nei tessuti corporei e che spesso interessa mani ed arti inferiori.

Può essere causata da molti fattori come

  • Assunzione eccessiva di sodio (sotto forma di sale comune),
  • disturbi ormonali,
  • elevata pressione sanguigna,
  • insufficienza venosa,
  • scarsa attività fisica,
  • allergie ed altro ancora.

Qualunque ne sia la causa, la ritenzione idrica può determinare:

-aumento di peso corporeo e gonfiori,

-alterazione della pressione sanguigna.

Per alleviare in parte questa fastidiosa sintomatologia, la Natura ci offre valide alternative, infatti in molte piante ad azione diureticapossiamo trovare anche proprietà antinfiammatorie, protettive dei vasi sanguigni e detossificanti.

Piante utili per l'azione drenantee depurativa, disponibili da Laboratori Biokyma srl

  • Il TARASSACO viene considerato uno dei rimedi migliori per combattere la ritenzione idrica. Ricco di potassio, aiuta l'organismo a diminuire i livelli di sodio nel nostro corpo. Inoltre la pianta del tarassaco contiene magnesio, un minerale che la rende molto efficace nella sindrome pre-mestruale. Aiuta il fegato a smaltire residui metabolici indesiderati.
  • Il FINOCCHIO presenta in parte attività diuretica che, unita alle proprietà sgonfianti, determina un'azione globalmente carminativa e drenante.
  • L'ORTICA, utilizzata per le riconosciute proprietà diuretiche e depurative, mostra un'attività utile anche per l'eliminazione degli acidi urici in eccesso e di altre sostanze dannose per l'organismo.
  • L'EQUISETO favorisce l'escrezione di acqua senza perdita di sali minerali ed elettroliti. Viene indicata anche negli edemi post-traumaticie nella diuresi forzata in caso malattie batteriche ed infiammatorie delle vie urinarie. Molto utilizzata come coadiuvante nella terapia dimagrante.
  • Anche la BETULLA produce una diuresi quasi totalmente acquosa, senza perdita di Sali e questo rende la pianta indicata anche negli edemi cardiaci e traumatici. La specificità della pianta è data dalla sua attività nel trattamento della cellulite, ove può ridurre anche il dolore oltre a contrastare la ritenzione idrica. Per queste caratteristiche la betulla viene usata anche nel trattamento del sovrappeso.
  • Del SAMBUCO si usano i fiori che vengono considerati diaforetici, diuretici ed emollienti, i frutti sono lassativi, mentre è la corteccia interna del sambuco ad avere la maggiore attività diuretica.
  • La PILOSELLA fresca è un potente diuretico utilizzato fin dal XII secolo. Le sue proprietà sono per lo più dovute all'umbelliferone. Inoltre le sue attività coleretiche e colagoghe stimolano l'attività disintossicante del fegato. Quindi l'insieme di tutte le sue proprietà la rendono una pianta indispensabile nel trattamento della ritenzione idrica, cellulite e sovrappeso.

Altro prodotto molto utilizzato in questo periodo è rappresentato dalla

  • LINFA DI BETULLA (sève de bouleau per dirlo alla francese), un prodotto emblematico del periodo primaverile che simboleggia la natura che si risveglia e che viene raccolto in primavera per mezzo di incisioni praticate sui trochi delle betulle. La linfa di betulla contiene enzimi e principi attivi diuretici, depurativi e uricosurici: promuove cioè l'eliminazione dei liquidi, del sodio in eccesso, degli acidi urici (prodotti di scarto della digestione delle proteine animali, il cui accumulo tende a peggiorare i disturbi reumatici), e delle tossine; essa può essere assunta sotto forma di

In conclusione possiamo dire che aiutare il fegato e la diuresi, senza perdere i sali minerali e gli oligoelementi, preziosi alleato contro la spossatezza, rendono queste piante un valido aiuto per prepararsi ad affrontare il periodo estivo.

I tepori primaverili e la bella stagione invitano a stare di più all'aria aperta, quindi è possibile abbinare alle nostre piante un po' di attività fisica cominciando così a combattere sovrappeso e cellulite oppure semplicemente eliminare le tossine che si sono accumulate durante l'inverno, seguici su Facebook con Accademia della Tisana per conoscere meglio le proprietà delle piante officinali.


Ultimi post

  • La febbre di primavera

    Lun 11 Maggio 2020

    C'è una"febbre" che non sottace un agente infettivo, più o meno nuovo che sia, una febbre che …

  • Le piante toniche ed afrodisiache

    Gio 13 Febbraio 2020

    In vista dell'arrivo della Primavera, e approfittando della festa di San Valentino come spunto per …

  • L’APPROCCIO FITOTERAPICO A SOVRAPPESO E OBESITA’

    Mer 23 Ottobre 2019

    L'Obesità è definita come patologia multifattoriale a componente multigenica sulla quale …

  • IL “BURN OUT”

    Mer 25 Settembre 2019

    IL"BURN OUT" La sindrome di burnout, definita anche come sindrome «dell'esaurimento da lavoro» …

  • SANA 2019

    Mar 3 Settembre 2019

    Una nuova edizione di SANA, il Salone Internazionale del biologico e naturale, torna a Bologna dal …