Laboratori Biokyma : la storia e le persone

Laboratori Biokyma nasce nel Dicembre del 1991 dalla collaborazione dei fratelli Maria Teresa e Franco Bini con i fratelli Mauro e Franco Cornioli. Due famiglie che, in realtà, si uniscono in una sola grazie al matrimonio fra Mauro e Teresa nel 1987.

Con Mauro Cornioli alla direzione generale dell'azienda, con il fratello Franco dedito all'agricoltura, Teresa all'amministrazione e alla contabilità, mentre Franco è dedito ai processi di lavorazione e conservazione delle piante, nasce Laboratori Biokyma.

L'azienda già dopo pochi mesi comincia ad assumere personale per far fronte agli ordini crescenti. La rete di vendita si allarga e si espande in tutta Italia. Iniziano rapporti decennali con produttori di piante officinali in tutto il mondo. Riccardo Cornioli segue la passione del padre Franco per la coltivazione delle piante officinali e nel 2014 si laurea in Agraria. Luca, figlio di Mauro e Teresa, dopo la laurea in Farmacia, entra in azienda sostituendo il padre. I noci giganti all'ingresso dell'azienda sono stati piantati dal papà di Teresa e Franco, Angiolo, che era dipendente del Corpo forestale dello Stato. La storia di una Famiglia dove territorio, piante officinali, coltivazione, lavoro e passione sono tramandate attraverso le generazioni.

L'azienda oggi

Laboratori Biokyma è oggi l'azienda Italiana leader di qualità nella lavorazione delle pianti officinali. Con un occhio di riguardo e di rispetto per la natura, la coltivazione delle piante officinali in azienda segue la certificazione Biologica e il rispetto del tempo balsamico della pianta nella raccolta. La lavorazione e la trasformazione delle piante nei loro derivati tiene in considerazioni delle caratteristiche fitochimiche della droga. La micronizzazione o l'estrazione dei principi attivi delle piante fresche viene realizzata entro breve tempo dopo la lavorazione delle piante fresche, per la massima efficienza fitoterapica del fitocomplesso.

L'azienda ha intensificato l'impegno nel collaborare con aziende italiane produttrici di piante officinali, aumentando costantemente la disponibilità di piante di origine Italia nei nostri magazzini. Questo perché crede nell'importanza di investire nel nostro territorio, sia in termini economici che di rapporti umani.

Per piante officinali di cui non è possibile la coltivazione in Italia a causa di avverse condizioni climatico-ambientali (es. piante officinali esotiche), Laboratori biokyma importa le erbe da circa 25 paesi stranieri. Biokyma conosce e visita personalmente molti dei coltivatori e fornitori di piante officinali nel mondo, instaurando negli anni con loro un rapporto di fiducia e collaborazione con duplice vantaggio di crescita e miglioramento constante, svolgendo un lavoro volto alla garanzia della qualità nel rispetto delle persone e dell'ambiente.

Un numero elevato di analisi chimico-microbiologiche svolte regolarmente sulle piante officinali e i nostri certificati di qualità ISO 22000:2005 e ISO 9001:2015, sono la prova della nostra serietà e professionalità nell' offrire un prodotto genuino e sano.

Avendo a disposizione piante officinali di ottima qualità, Laboratori biokyma produce inoltre una vasta gamma di integratori alimentari sotto forma di capsule, compresse e perle, di prodotti fitoterapici quali estratti idroalcolici (tinture madri), estratti idrogliceralcolici (gemmoderivati), oli essenziali e oli vegetali, di infusi in filtro e sfusi.

Infine, i Laboratori biokyma desiderano essere il veicolo per la diffusione della cultura erboristica. In questa ottica, biokyma organizzando ormai da più di 10 anni, corsi di formazioni ed incontri per professionisti delle erbe officinali e per studenti universitari che stanno per iniziare la loro attività lavorativa. Sempre su questa linea, nasce nel 2014 ACCADEMIA DELLA TISANA, un percorso di formazione professionale rivolto a laureati e laureandi in Scienze Erboristiche, Farmacia e CTF che ha come obiettivo la miscelazione estemporanea di piante officinali ("bisogna mettere le mani nella tisana: prepararla, toccarla, annusarla, assaggiarla" cit. Mauro Cornioli).

¯