Blog

Zenzero: ecco a cosa serve (veramente) in base a evidenze scientifiche

Zenzero: ecco a cosa serve (veramente) in base a evidenze scientifiche

Zenzero: ecco a cosa serve (veramente) in base a evidenze scientifiche

Lo Zenzero è una delle spezie più usate al Mondo. Usato da sempre soprattutto in Cina e India, rientra tra le piante officinali della medicina tradizionale di questi paesi.
L'olioresina estratta dal rizoma di zenzero contiene numerosi componenti bioattivi tra i quali il più abbondante è il gingerolo.
Sebbene lo zenzero sia molto usato, si conosce poco del suo metabolismo all'interno del nostro organismo. Dato che questa radice e i suoi metaboliti si concentrano nel tratto gastrointestinale, molti studi supportano l'effetto di questa pianta proprio sullo stomaco. Ma i numerosi studi che sono stati condotti sullo zenzero negli ultimi anni, stanno dimostrando che i componenti della pianta hanno anche funzioni e target diversi.
Cerchiamo di conoscere meglio le proprietà dello zenzero perché molte sono supportate da studi scientifici, altre invece si basano sul semplice passa parola.

Anti Nausea

Senza dubbio l'attività più assodata riconosciuta allo zenzero è l'effetto antinausea. Studi clinici hanno dimostrato che la sua attività è dovuta all'eliminazione dei gas gastrici e all'aumento della motilità dello stomaco.
Inoltre ha un ruolo protettivo nei confronti dei danni indotti sulla mucosa dagli acidi gastrici in eccesso.
Pertanto lo zenzero è consigliato nella nausea e nel vomito in gravidanza dove numerose ricerche cliniche mettono in evidenza il miglioramento dei sintomi nelle donne incinte.

Lo zenzero può migliorare la nausea e il vomito anche in tutte le forme di cinetosi (mare, auto…) e può essere assunto anche dai bambini.
L'uso di integratori a base di zenzero migliora anche i sintomi associati ad alcuni tipi di chemioterapie.

Anti-infiammatorio
Alcune ricerche indicano lo zenzero per migliorare i sintomi della artrosi e migliorare così la qualità della vita di tutte quelle persone che soffrono di dolori osteo-articolari.
È stato studiato che anche l'uso topico dello zenzero, associato ad altre piante officinali, risulta efficace per attenuare il dolore delle articolazioni.

Prevenire il cancro
La prevenzione dei tumori è un tema altamente dibattuto in ogni ambito medico. È evidente che lo zenzero, grazie alla sua attività antiossidante, protegge il nostro organismo. Il 6-gingerolo infatti entra a far parte dei meccanismi di crescita cellulare che risultano alterati in caso di malattia tumorale.
Ovviamente queste ricerche non hanno un valore definitivo sulla prevenzione, ma ci forniscono dati importanti sul ruolo che può avere il gingerolo sul ciclo cellulare.

Proteggere il cervello
Lo stress ossidativo e l'infiammazione cronica sono le cause che accelerano l'invecchiamento. L'inibizione della risposta infiammatoria nel cervello ad opera dei componenti bioattivi dello zenzero può prevenire l'invecchiamento cognitivo, migliorare la memoria e proteggere dalla malattia di Alzheimer.

Proteggere dalle infezioni
Lo zenzero può inibire la crescita di alcuni batteri in particolare quelli che si trovano nella bocca e sono causa di gengiviti e parodontiti, oltre a proteggerci dai virus respiratori.

Proprietà adattogene
L'estratto di zenzero interviene sulla ghiandola surrenale, diminuendo la produzione di ormone adrenocorticotropo, così viene inibita la sintesi di cortisolo che attiva i processi di difesa del nostro organismo e con loro anche lo stress. Uno studio in vivo ha mostrato proprietà adattogene dello Zenzero nei confronti di un'ampia varietà di perturbazioni di natura biochimica e fisiologica (Lakshmi & Sudhakar, 2010).

Lo studio indica come l'estratto di Zenzero, intervenendo sulla ghiandola surrenale diminuisca la secrezione dell'ormone adrenocorticotropo e quindi la secrezione di ormoni corticosurrenali come il cortisolo, importantissimo nei processi di adattamento a fattori di stress chimico e fisico.
Inoltre, campioni a cui era stato somministrato estratto di Zenzero, hanno mostrato un aumento della dimensione della milza e una diminuzione del numero di globuli rossi e bianchi nel sangue comparati al controllo durante una elevata attività fisica, che si traduce in un abbassamento del livello di stress percepito.

L'azione benefica dello Zenzero in caso di stress e stanchezza è inoltre favorita dalle sue proprietà antiossidanti e di rimozione dei radicali liberi (Ayoola et al., 2008).
Le proprietà attribuite allo zenzero sono davvero moltissime, proprio per questo quando leggi delle notizie in merito a questa pianta, che negli ultimi anni è molto "di moda", ti invitiamo a non fermarti alla notizia, ma ad andare a ricercare la fonte.

Per questo di seguito trovi alcuni articoli e testi che hanno ispirato il contenuto, seppur in modo molto riassunto, di questo articolo. (Abbiamo cercato di selezionare alcuni tra i testi più recenti).

Ti invitiamo ad andare a leggere ed approfondire l'argomento che più ti interessa.
Buona tisana.

FONTI:
A molecular dynamics study of components of the ginger (Zingiber officinale) extract inside human acetylcholinesterase: implications for Alzheimer disease
Teobaldo Cuya, Leonardo Baptista & Tanos Celmar Costa França ORCID Icon- Journal of Biomolecular Structure and Dynamics-Pages 1-13 | Received 08 Oct 2017
(The effect and safety of highly standardized Ginger (Zingiber officinale) and Echinacea (Echinacea angustifolia) extract supplementation on inflammation and chronic pain in NSAIDs poor responders. A pilot study in subjects with knee arthrosis
Mariangela Rondanelli, Antonella Riva, Paolo Morazzoni, Pietro Allegrini, Milena Anna Faliva, Maurizio Naso, Alessandra Miccono, Gabriella Peroni, Irene Degli Agosti & Simone Perna- Natural Product Research-Pages 1309-1313 | Received 17 May 2016)
TO EVAUATE THE EFFECT OF GINGER (ZINGIBER OFFICINALE) ON BODY MASS INDEX AND STATUS OF C-REACTIVE PROTEIN IN DIABETES MELLITUS
Bharti Maan, Abhishek Acharya- GLOBAL JOURNAL FOR RESEARCH ANALYSIS Vol 7, No 1 (2018)
(Some phytochemical, pharmacological and toxicological properties of ginger (Zingiber officinale Roscoe): A review of recent research
Badreldin H.AliaGeraldBlundenbMusbah O.TaniraaAbderrahimNemmarc -Food and Chemical Toxicology
Volume 46, Issue 2, February 2008, Pages 409-420)
(Preventive and Protective Properties of Zingiber officinale (Ginger) in Diabetes Mellitus, Diabetic Complications, and Associated Lipid and Other Metabolic Disorders: A Brief Review
Yiming Li, Van H. Tran, Colin C. Duke, and Basil D. Roufogalis -Evidence-Based Complementary and Alternative Medicine -Volume 2012 (2012), Article ID 516870, 10 pages
(Ginger (Zingiber officinale) and rheumatic disorders -K.C.Srivastava∗T.Mustafa† Medical Hypotheses
Volume 29, Issue 1, May 1989, Pages 25-28)
(Biological properties of 6-gingerol: a brief review.-Wang S, Zhang C, Yang G, Yang Y. Nat Prod Commun. 2014 Jul;9(7):1027-30.)
(Ginger and Its Constituents: Role in Prevention and Treatment of Gastrointestinal Cancer-Sahdeo Prasad * and Amit K. Tyagi- Gastroenterol Res Pract. 2015; 2015: 142979)
(Anti-Oxidative and Anti-Inflammatory Effects of Ginger in Health and Physical Activity: Review of Current Evidence
Nafiseh Shokri Mashhadi, Reza Ghiasvand,1,2 Gholamreza Askari,1,2 Mitra Hariri,1,2 Leila Darvishi,1,2 and Mohammad Reza Mofid3- Int J Prev Med. 2013 Apr; 4(Suppl 1): S36-S42.)
(Effects of a ginger extract on knee pain in patients with osteoarthritis.-Altman RD1, Marcussen KC. -Arthritis Rheum. 2001 Nov;44(11):2531-8.)
(Comparing analgesic effects of a topical herbal mixed medicine with salicylate in patients with knee osteoarthritis.-Zahmatkash M1, Vafaeenasab MR. - Pak J Biol Sci. 2011 Jul 1;14(13):715-9.)
(Comparison of effects of ginger, mefenamic acid, and ibuprofen on pain in women with primary dysmenorrhea.-Ozgoli G1, Goli M, Moattar F. -J Altern Complement Med. 2009 Feb;15(2):129-32. doi: 10.1089/acm.2008.0311.)
(C.O. Eleazu and K.C. Eleazu, 2012. Physico-chemical Properties and Antioxidant Potentials of 6 New Varieties of Ginger (Zingiber officinale). American Journal of Food Technology, 7: 214-221.)
Lakshmi, B.V.S. & Sudhakar, M. 2010. Attenuation of acute and chronic restraint stress-induced perturbations in experimental animals by Zingiber officinale Roscoe. Food Chem Toxicol 530-535.
Ayoola, G.A., Coker, H.A.B., Adesegun, S.A., Adepoju-Bello, A.A., Obaweya, K., Ezennia, E.C. & Atangbayila, T.O. 2008. Phytochemical screening and antioxidant activities of some selected medicinal plants used for malaria therapy in Southwestern Nigeria. Trop J Pharm Res. 1019-1024.


Ultimi post

  • La febbre di primavera

    Lun 11 Maggio 2020

    C'è una"febbre" che non sottace un agente infettivo, più o meno nuovo che sia, una febbre che …

  • Le piante toniche ed afrodisiache

    Gio 13 Febbraio 2020

    In vista dell'arrivo della Primavera, e approfittando della festa di San Valentino come spunto per …

  • L’APPROCCIO FITOTERAPICO A SOVRAPPESO E OBESITA’

    Mer 23 Ottobre 2019

    L'Obesità è definita come patologia multifattoriale a componente multigenica sulla quale …

  • IL “BURN OUT”

    Mer 25 Settembre 2019

    IL"BURN OUT" La sindrome di burnout, definita anche come sindrome «dell'esaurimento da lavoro» …

  • SANA 2019

    Mar 3 Settembre 2019

    Una nuova edizione di SANA, il Salone Internazionale del biologico e naturale, torna a Bologna dal …